Guru Purnima

Matha Gitananda Ashram

                     MONASTERO INDUISTA TRADIZIONALE

Guru Purnima

"Omaggio e prosternazione a Te, o Vyasa Bhagavan, Tu che sei libero dall'ignoranza, che hai creato il dolce nettare detto Bharata, che può essere bevuto a piene mani ogni volta che è udito."

In questa occasione, attraverso l'omaggio al Guru, il discepolo rende più profondi il suo amore e la sua devozione. Iniziare una pratica spirituale in questo giorno è molto propizio. Si generano delle fresche onde spirituali, tutto ciò che si sente, si vede, si impara, si legge in questo giorno propizio deve essere trasformato in sadhana e servizio disinteressato, risvegliando una fede incrollabile e l'amore per il Supremo dentro se stessi.


Leggi altro su questa festività

Il giorno di luna piena del mese di Ashada è il sacro e auspicioso giorno del GURUPURNIMA, sacro alla memoria dei Brahmavidya Guru e di Vyasa che compose i Veda, 18 Purana, il Mahabharata e il Bhagavata. Con queste opere è stato reso un grandissimo servizio all'umanità. Nell'era del kali yuga, la memoria è corta, le facoltà spirituali sono deboli, per questo motivo Vyasa, il compilatore, compassionevolmente, ha redatto, con la sua mente illuminata, un patrimonio culturale di inestimabile valore per rigenerare l'uomo del kali yuga conducendolo all'evoluzione e alla realizzazione. Da questo giorno inizia Chaturmasa, periodo di ritiro, durante la stagione delle piogge, per lo studio delle scritture. Lo studio costante di tali scritture, vivere e praticarne i principi per rigenerare l'umanità è il gesto di più profonda gratitudine che si possa avere verso Vyasa.

In questo giorno, tutti i mahatma, sadhu, Maestri onorano Vyasa nella puja, e i devoti onorano i loro Guru con dakshina o atti di carità, compiuti con profonda fede e sincerità. Frutta e latte simboleggiano purezza e semplicità. Per il discepolo questo è un giorno veramente felice, perché può rendere sincero omaggio al suo amato Guru mostrando la parte migliore di sé, attraverso le azioni che la sua devozione gli suggerisce. L'amore e la devozione verso il Maestro devono essere sempre dimostrati, infatti, secondo le scritture, uno studente non è qualificato alla sadhana e non può essere accettato da un Maestro, se non dimostra con le azioni la devozione che ha nel cuore.

 
 

È una festa spirituale che viene celebrata nel mese di Ashada (giugno-luglio) dai discepoli che seguono un cammino spirituale sotto la guida di un maestro. In questo giorno viene celebrato il saggio Vyasa, il mitico maestro che trasmise la sacra conoscenza dei Veda ai suoi discepoli per il bene dell'umanità. Sulle rive del fiume Yamuna, un pescatore trasportava i passeggeri da un sponda all'altra del fiume. Un giorno, dopo una buona pesca, sventrando un enorme pesce, trovò due neonati: un maschio e una femmina. Il pescatore andò dal re a chiedere spiegazioni, il quale rispose che era una nascita particolare frutto di intrighi tra gli dei. Il maschio visse con il re finché non diventò re dei pesci. La fanciulla, che fu allevata dal pescatore, a causa della sua nascita, odorava di pesce. Chiamata Kali (scura di pelle) o Matsyagandhi (colei che odora di pesce), in seguito ricevette il nome di Satyavati. Ella cresceva splendida e con molte doti morali, a volte aiutava il padre a traghettare i passeggeri sulla zattera.

Un giorno mentre il padre stava riposando, arrivò un rishi, Parasara, il quale doveva attraversare il fiume e appena vide Satyavati se ne innamorò. Satyavati lo accompagnò sull'altra sponda. Durante il tragitto, il rishi fu travolto dall'improvvisa passione per la ragazza la quale, temendo una maledizione del rishi, non oppose resistenza. Egli creò in mezzo al fiume un'isola artificiale circondata da una fitta nebbia, dalla quale, rapiti dall'ebbrezza dell'amore, furono avvolti. Il rishi, con grande gioia della ragazza, grazie ai suoi poteri, sostituì l'odore di pesce che lei emanava con un delicato profumo di muschio ed esclamò: "Ora puoi tornare nel tuo mondo, ma qui partorirai un figlio che sarà un grande rishi". Ella partorì un figlio il quale divenne immediatamente adulto, con un aspetto forte, vigoroso. Rivolgendosi alla madre, disse con tono rassicurante: "Vai, non ti preoccupare per me. Quando avrai bisogno pensami ed io arriverò subito in tuo aiuto". Vyasa si allontanò e iniziò così nella foresta la sua lunga vita di tapas, meditazioni e offerte.